Skip to content
Home » Biogas con i tegumenti delle mandorle, un impegno concreto per l’energia pulita

Biogas con i tegumenti delle mandorle, un impegno concreto per l’energia pulita

Ogni giorno dal processo di pelature delle mandorle otteniamo circa 5.000 kg di tegumento che destiniamo ad impianti di biogas per la produzione di energia pulita.

La vera ecosostenibilità parte infatti da azioni concrete e da un cambio radicale di mentalità e di approccio a quel che riteniamo un rifiuto. Ridurre gli scarti e riutilizzarli è quindi l’unica via possibile, in linea con i punti dell’Agenda 2030 dettata dall’Onu, per abbassare l’impatto ambientale delle nostre produzioni. In Alfrus lo facciamo anche con l’acqua che dopo essere impiegata per il lavaggio delle mandorle, filtriamo e riutilizziamo per l’irrigazione dei campi agricoli. Allo stesso modo, i tegumenti delle mandorle (la pellicina che avvolge il seme) essendo un residuo vegetale è un ingrediente perfetto per la produzione di biogas.

I tegumenti ottenuti da processo di naturale distacco dalla mandorla, con acqua e calore, hanno in media il 70% di umidità. Un fattore prezioso nel processo di fermentazione anaerobica che è alla base del processo di produzione di energia attraverso il biogas.

COME FUNZIONA UN IMPIANTO DI BIOGAS

I tegumenti ottenuto dalla lavorazione delle mandorle li conferiamo presso un impianto di biogas ad alta tecnologia che impiega derivati organici e di origine vegetale. Alla base dell’impianto c’è un principio molto semplice: la naturale fermentazione di componenti organiche e vegetali al passare del tempo e in determinate condizioni ambientali.

L’impianto utilizza per la parte vegetale: tegumenti di mandorle, quindi, ma anche sottoprodotti derivanti da mais, riso, olio di oliva e girasole.

Si tratta di prodotti che attraverso un processo di fermentazione anaerobica producono naturalmente una miscela di vari tipi di gas. Da questa miscela nasce il biogas impiegato per la produzione di energia elettrica.

I VANTAGGI DEL BIOGAS

Crediamo nel biogas per abbassare l’impiatto ambientale della nostra produzione per diverse ragioni:
– L’impiego di biogas consente di risparmiare combustibili fossili, evitando il rilascio di ulteriore anidride carbonica nell’ambiente, visto che la quantità di CO2 emessa in atmosfera da questi impianti corrisponde alla quantità utilizzata dalle piante nella fotosintesi.
– L’energia ottenuta dal biogas è sempre disponibile, indipendentemente dalle condizioni atmosferiche che invece influiscono nella produzione da fonti eoliche e solari.
– Il residuo di fermentazione è impiegato come fertilizzante nelle coltivazioni agricole, quindi nulla viene sprecato.

Crediamo in una produzione attenta e rispettosa, e in un modo di fare impresa responsabile verso quel che ci circonda. Riutilizzando gli scarti, per noi non semplici rifiuti, lo dimostriamo in modo concreto.

Scoprite qui di più sul nostro impegno per l’ecosostenibilità.

26 Luglio 2022